Domaine Henri Milan

Domaine Henri Milan

Vino in libertà
È il vino, come tutti i prodotti eccezionali che vengono dalla natura e dal genio dell'uomo, il risultato di una pianta eccezionale: la vite.
 
Henry: "Questo è il mio primo vitigno piantare all'età di 8 anni, mi sono innamorata di questa pianta eccezionale ho sviluppato una particolare sensibilità per la natura che mi circonda con questo. impianto al primo posto e quando ho deciso di diventare un viticoltore ho sempre cercato di fare lo stesso con i miei vini.
 
Proprio come Dioniso era il dio del pantheon greco solo per avere la potenza e la risurrezione di Cristo attraverso la comunione consacrando il vino, è diventato veramente Dio.
I poteri del vino e del vino fanno parte di una bella alchimia al servizio dello spirito. È il prodotto più facilmente assimilabile dal sangue umano e ovviamente più vicino allo spirito umano.
 
Fare vino non è una tecnica, è un accompagnamento di ciò che la vite ci propone. Ci dà un frutto e lo facciamo un pezzo di eternità. Nessuna macchina, nessun processo, nessun aggiunta, è essenziale.
 
La condizione più importante è l'agricoltura biologica. È anche l'armonia creata da una pratica biodinamica nella mente. Le semplici influenze della luna sui ritmi del mare, della donna e dell'uomo sono evidenti.
L'esperienza che ho acquisito attraverso la produzione di vini senza zolfo rafforza il fatto che la stabilità di un vino così "pulito" è finora evidente.
Non è una questione di purezza, si tratta di una questione di equilibrio: si riceve viti e qualsiasi impianto in generale, quello che gli dai ".
Henri Milano, 26 maggio 2012.

Filtri